FRASE233.GIF

home

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Mugghia il Velino, Rico, e contro il ponte cozza con uno spasimo incalzante. Lo senti?

Da poco m’ero assopito; e tu di nuovo mi svegli. Avessi le orecchie felpate come le donne della mia terra!

A te, Irpino, questo gemito fa da strana ninna nanna e t’addormenta; ma io ho le orecchie forate come il cinghiale marso e so da dove spira il vento e non mi sfugge stormir di fronde.

Se taci e tieni aperti gli occhi, mentre io dormo, non ti sfuggirà nulla, o moglie, di questa tempestosa notte.

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

La marina tace, vinta

dal torpore dei secoli.

Ha spento tutti i suoi raggi

il sole sugli scogli

disseminati dalle mani

del Ciclope sul terso

del mare. Sentirai

ingigantita la tua voce

dalla voce dell’Etna

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva

                 EPIGRAMMA

 

Salvar le oche un giorno il Campidoglio

e maledette furon dal Gallo;

 

siedon gli asini adesso su quel soglio

ma benedetti son per ogni fallo!

 

Fedor Nicolay Smejerlink

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Un giovine, abitante verso la parte alta del paese, ha la sensazione dell’imminente sciagura e fugge dalla casa verso il monte, trasportando sulle spalle la vecchia madre che si trovava già a letto.

… e non ti parve mai più dolce

peso quale alle spalle, agli omeri

ti avvolse la madre assorta

nei suoi sogni e in sogno

orrido intenta per l’erta

spettatrice andava, col tuo

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Ho come un desiderio

di cielo. Non so le cose

che anelo nella vita.

Se la via è battuta dal vento

sento il desiderio (provo il tormento)

di volare con esso, senza meta:

se il fiume scorre

rapido, vorrei farmi accogliere

Sottocategorie

Il Mio Scrittoio  mette a disposizione il sito per tutti coloro che vogliono far conoscere i propri scritti letterari o le proprie opere attraverso un mezzo informatico. Gli autori che pubblicano sul sito non cedono alcun diritto a Il Mio Scrittoio e rimangono pienamente titolari e proprietari dei loro diritti d'autore.  Il Mio Scrittoio non è responsabile del contenuto e della qualità dei testi pubblicati, e dell'eventuale uso fraudolento di terzi che dovesse derivare dalla disponibilità del testo on line. Tutti i loghi e i marchi di fabbrica, in questo sito, sono dei rispettivi proprietari. Tutti gli articoli, i testi ed i commenti sono di proprietà di chi li scrive, tutto il resto © 2006 di Sergio Melecrinis