FRASE4.GIF

Pignolata al miele

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Ingredienti:

 Farina                           600 gr.

 Uova                            7

 Miele                            400 gr.

 Burro                            40 gr.

 Latte                             mezzo bicchiere

 Olio di oliva                   2 cucchiai

 Olio per friggere             1 litro e mezzo

 Zucchero                       150 grammi

 Limoni                           3

 Alcool                           2 cucchiai

 Sale                               2 pizzichi

 Cannella                         1 cucchiaino

 Vaniglia                           2 bustine

 Lievito                            2 bustine

 Acqua                            1/4 di bicchiere

 Fiori d'arancio (estratto)  10 millilitri                

 Diavolini e cannellini        70-100 gr.

 

Preparazione:

In un contenitore impastare 7 rossi di uova con 4 albumi; sciogliete il burro nel latte tiepido e aggiungetelo, insieme a 2 cucchiai d’alcool,  2 cucchiai d’olio d'oliva, 1 pizzico di sale, l'estratto di fiori d'arancio, l'acqua e la scorza grattugiata di tre limoni.

 In un contenitore a parte miscelate bene la farina con 1 cucchiaino di cannella, 150 grammi di zucchero, due bustine di lievito per dolci e due bustine di vaniglia. Fate la fontana ed impastate il tutto; se la pasta è eccessivamente soda, aggiungete un bianco d’uovo. Lavorate bene l’impasto e fatelo riposare per circa 20 min.

Generalmente,  gli struffoli, si formano da bastoncini sottili che poi si tagliano a pezzetti; Nella pignolata "gli struffoli" sono più piccoli e si adopera il burro anzichè lo strutto.

Stendete una sfoglia molto spessa (circa 5~6 millimetri); tagliatela a strisce larghe 5-6 millimetri e successivamente tagliate le strisce ottenute  in pezzettini (quadrati che abbiano all’incirca lo stesso lato) Friggeteli, pochi per volta, adoperando l’apposito recipiente munito di cestello, oppure in una padella con i bordi alti (si consiglia di adoperate olio leggero per friggere). Toglieteli appena iniziano ad avere un colore leggermente dorato; deponeteli  su fogli di carta paglia. Sostituire completamente l’olio almeno una volta, o comunque quando forma molta schiuma.

In una pentola capiente, mettete 400 gr. di miele (non aggiungete assolutamente acqua o zucchero) e, a fuoco molto lento, tenetelo vicino alla bollitura per 4-5 minuti (il miele assumerà un aspetto ambrato chiaro, omogeneo e senza schiuma).

Versatevi dentro gli struffoli appena fritti, e sempre mantenendo il fuoco molto dolce, mescolate continuamente (preferibilmente con un cucchiaio di legno) finché gli struffoli saranno ben impastati di miele (7-8 minuti; tempo necessario per addensare anche il miele).

In un piatto molto largo, rovesciate, aiutandovi sempre con il cucchiaio di legno, il contenuto;  dategli la forma preferita (generalmente circolare con un buco al centro); per far ciò è consigliabile aiutarsi con un limone lavato e ancora bagnato, oppure solo con le mani che bagnerete più volte sotto l’acqua corrente (affinché il miele non si attacchi alle dita).

Cospargete a vostro gradimento di cannellini, diavolini o perline colorate.

Fate raffreddare almeno un'ora, prima di assaporare.

 

® www.ilmioscrittoio.it Copyright © by Il Mio Scrittoio All Right Reserved.

Pubblicato su: 2006-12-21

Il Mio Scrittoio  mette a disposizione il sito per tutti coloro che vogliono far conoscere i propri scritti letterari o le proprie opere attraverso un mezzo informatico. Gli autori che pubblicano sul sito non cedono alcun diritto a Il Mio Scrittoio e rimangono pienamente titolari e proprietari dei loro diritti d'autore.  Il Mio Scrittoio non è responsabile del contenuto e della qualità dei testi pubblicati, e dell'eventuale uso fraudolento di terzi che dovesse derivare dalla disponibilità del testo on line. Tutti i loghi e i marchi di fabbrica, in questo sito, sono dei rispettivi proprietari. Tutti gli articoli, i testi ed i commenti sono di proprietà di chi li scrive, tutto il resto © 2006 di Sergio Melecrinis