FRASE23.GIF
FRASE16.GIF
Nulla2.jpg
4 Inferno51.jpg
Alle mie figliole

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Siete tornate: nella notte fonda

tenendoVi per mano

siete tornate per un’ora sola

ad abbracciar la Mamma

e a chiederLe perdono...

siete tornate nella veste bianca

siete tornate nella veste bruna.

A Ida

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Quando, compagna mia, sull’erma afflitta

tomba porrai di fiori un gentil dono

sosta daccanto all’urna, derelitta,

obliando il mondo ed ogni umano suono.

            Come tocca dal sol fremente allora

            la zolla parlerà le sue divine

            note armoniose cui porgevi ognora

l’intento orecchio  ed il fluente crine.

Ma sussurrar udrai tanto più cara

la voce nota a te nell’aspra via

Di quell'azzurro bacio

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dal riascoltato accento
quell'azzurro bacio
a tergermi le labbra
il pane secco nel cartoccio:

- è un nome, solo un nome,
farfalla sul petto
e sulle membra smagrite. -

Lampade di sepolcro
gli occhi infossati a fior d'acqua
globi di vetro che riflettono
 
l'argentea fronda dei capelli
che acquieta il volgere del giorno:

Ester

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ester ovvero (dal bulgaro) "Destino della Negazione"

*Men fredda e impassibile assiste Antiope  alla punizione di *Circe.“

… e tu mi hai gettato nel profondo, nell’abisso del mare e le acque mi circondarono; tutti i tuoi gorghi e tutti i tuoi flutti si sono chiusi sul mio capo.”

Profezia di Giona. Cap. 2 parag.  4

Ora voglio scendere un po’ tra gli uomini. Non perché nutra verso di essi alcuna simpatia o mi sia venuta a noia la mia baita qui tra i monti; gli uomini nulla fecero per rendersi da me amati o benvisti e la mia baita l’ho messa su io, un po’ con le mie mani, un po’ con l’aiuto di Paolo Charbormier, che è il mio migliore amico dopo Ciro.

Stagioni

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva

Primavera

Fremiti d’ali; aeree, guizzanti

tornano. Han le convalli una canzone

nuova, melodia divina con l’acque

fluenti ai piani; creature leggere

evanescenti, cui l’ombra d’un sogno

si rassomiglia, e dall’istesso incanto

ebbero l’ali per volar ne’ cieli.

L'altalena

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

La fune tra i pioppi

                                                           alta trascorre

Ali di falena, cadono

                                                           le scosse foglie

senza fruscio, nella quieta sera.

                                                           Dondola il bimbo

e danzano nel ciel le prime stelle

                                                           muto contempla

immagini a corteo

A mia madre

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Io t’ho chiamato, mamma, cento volte

e cento il mio nel guardo tuo fissai

tu sei lontana, mamma, e non mi ascolte

le angosce del mio cuor non le saprai.

Fosti la sola che a le notti insonni

i singhiozzi affidavi e il pianto amaro

mentre lungi dal tetto a tristi donni

senza difesa esposto era il tuo caro.

Fenice

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Dell’aspro pensiero

che mena alla vita

perdesti le tracce

mia Patria smarrita.

Gettata nel fango

dai figli tuoi stessi

dal cenere sparso

risorgi per essi.

La mia casa di viale Tiziano

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

La mia casa

è una piccola tana

sospesa tra alberi altissimi

e un sentiero d’argilla.

Ignora la luce del sole

la luce del giorno;

vi splende soltanto

lo sguardo d’un piccolo bimbo.

Lo sguardo del nonno

s’è spento nel buio, per sempre.

L'alba

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Ora sui campi rugiadosi e neri

luce del ciel diffondesi lontana

 

come da fonti scaturita in veri

rivoli immensi di bellezza arcana.

Quieta è la terra; ma l’inquieto seme

già fecondato nel suo seno, il primo

sole anela; alimenta in cuor la speme

l’agricoltore d’un raccolto opimo.

Voci che urgono

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Riso doloroso di Gwynplaine

sulla faccia stanca

e l’anima immersa nell’abisso

del pensiero, senza sosta.

Vi è nell’ansia di uscire alla luce

il prodigio del vero

ma tenuto in un intrico di fili

senza bandolo, anellidi vacui

che con oscena bocca

Pagine Marine II

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Un tronco di palma

ieri alla battigia, oggi all’asciutto

Ha perduto

il colore della carne

il profumo delle alghe.

Non mi siedo:

turba starsene su un cadavere

rinsecchito.

Dentro è molle

il dito quasi vi affonda:

Pizzo, mappamondo fiorito

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Pizzo, sorella di Venere,

nata dal mare,

la cenere dello Stromboli

non sporca le tue acque

chiare come acqua di fonte

non brucia i fiori dei tuoi mandorli amari

i filari delle viti.

Un profumo tepido di zagare e tigli

t’invade e t’invade il carrubo