Welcome to Il Mio Scrittoio

Search   in  

 Create an AccountHome | Pubblica Opera | Iscrizione | INFORMAZIONI | Opere e Autori | Lettura Opere | Testi più Letti  

Menu Generale

 Messaggi
 Messaggi privati

 Letteratura
 Pubblica le tue Opere
 Testi più letti
 Leggi le Opere
 Opere a Autori
 Archivio Opere
 Opere Top 30
 Ultimi Testi
 Cerca

 di Fedor Nicolay Smejerlink
 ARUNDE (tragedia inedita)
· Raccolta Poesie
· Ester (romanzo)
· Il pane dell'anima
· Don Pietro Fagà
· L'accalappia-cani
· Il pàpparo
· La galleria degli antenati
· L'asino
· Il ponte
· Foglie morte
· Lorca il servo
· Un giorno di Maggio
· La quercia
· Lo scopone scientifico
· Oasi
· Una casa che non ...
· I tutoli
· Senza meta
· Tra un pasto e l'altro

 
 ARUNDE: tragedia inedita in tre atti (pdf)
 di Fedor Nicolay Smejerlink
· Morto un Papa (pdf)
 di Francesca Santagata

 CUCINA
 Ricette locali tipiche

 Info
 Statistiche
 Il tuo profilo
 Aggiungi Sito
 Giornale
 Altri Link

 Opinioni
 FAQ
 Feedback
 Gruppi Utenti
 Segnala questo Sito
 Valutazione

 Rosso Veneziano
 Poetika
 Alidicarta
 Galassia Arte
 Poesieitaliane
 Poesie per ragazzi
 PoesieRacconti
 Fiori di pensiero
 Altra Musa Poesia
 ewriters
 Il Romanziere
 il Club dei poeti
 Scrittori Emergenti
· IsoladellaPoesia
· Scrivere Poesie
· Poesie sulla donna
· Portfolio poetico
· Parole del Cuore
· Poesia Nuova
· Poesie in versi
· Poesie d'Amore
· eros poesia
· 
· Libri da leggere
· favorites book

 Le Scienze

 Science
 Scientific American
 National Geographic
 Nature.com
 Galileo
 NewScientist
 Newton
 Focus
 Coelum
 Crisper
 asimmetrie INFN

 
 la Repubblica
 Corriere della Sera
 Il Messaggero
 LA STAMPA
 Ansa
 l'huffington post
 L'Espresso
 il POST
 Lettera43
 Infosannio
 Adnkronos
 il Fatto Quotidiano
 Linkiesta
 Libero
 il Giornale
 IL FOGLIO
 Il Tirreno
 Il Tempo
 Italia Oggi
 L'UNIONE SARDA
 Alto Adige
 IL MATTINO

 Gazzetta dello Sport
 Corriere dello Sport
 Tuttosport
· 

 Quotidiani Europei
 

 Meteo
 Meteo Aeronautica M.
 il Meteo
 3Bmeteo
 MeteOit

  TV
 Stasera in TV
  Oggi in TV
 Programmi Tv
 QN Programmi TV
 My Movies
 Guida TV SKY

 Wikipedia
 Treccani
 Dizionario Etimologico
 Dizionario Hoepli
 Il Sabatini Coletti
 Dizionario Italiano
 Wikizionario
 Wikiquote
 Wikibooks
 Enciclopedia Brit.

 
 Google

 
 Facebook

 
 Twitter

 
 IMU-Tares-iuc

 
 Agenzia Entrate

 
 SISTER
 Visure Catastali

 Blog
 Beppe Grillo
· Marco Travaglio
· Cado in piedi
· Gad Lerner
· ByoBlu
· POLISBLOG
· Paperblog
· il POST
· Furio Colombo
· Piovono Rane
· La27ORA
· Wittgenstein
· Manteblog
· TVblog
· BooksBLOG
· DiPIETRO
· Cineblog
· AgoraVox
· Made in Italy
· Dario Fo
· TUTTOBENIGNI

 Effetti ottici
 Animator/Animation
 La Gallina ...
 Paesaggi di Cibo
 Uomo di colore
 Anamorfismo
 Scie nei cieli
 Foto Stupende
 Viste Splendide
 Attimi di saggezza
 Body-Scanner


 Attualmente Chiuso


Ricette locali tipiche

· Orecchiette con le cime di rapa
· Orecchiette gamberi e zucchine
· Pasta e fagioli
· Brasato al Barolo
· Frittelli di baccalà
· Pampepato
· Panforte
· Insalata di mare
· Pasta alla Norma
· Spaghetti al nero di seppia
· Pasta con sarde
· Pasta con i broccoli
· Spaghetti con le uova di ricci
· Involtini di pesce spada
· Calamari ripieni
· Pepata di Cozze
· Tonno con cipolle in agrodolce
· Parmigiana di melanzane
· Caponata di melanzane
· Peperonata
· I Cannoli Siciliani
· Cassata siciliana
· Zuppa di pesce
· Frutta martorana di marzapane o pasta reale
· Antipasto di gamberetti
· Besciamella
· Bigoli
· Cren
· Torta all'arancia
· Maionese
· Marrons glacés
· Minestrone
· Pesto alla Genovese
· Salsa Verde
· Polenta
· Bucatini alla Amatriciana
· Spaghetti (o rigatoni) alla carbonara
· Spaghetti cacio e pepe
· Spaghetti aglio, olio e peperoncino
· Tagliatelle alla carrettiera
· Fettuccine alla papalina
· Fettuccine alla Ciociara
· Pasta alla checca
· Penne alla arrabbiata
· Stracciatella
· Fritto alla romana
· Saltimbocca alla romana
· Pajata in umido
· Coda alla vaccinara
· Trippa
· Coratella con carciofi
· "Coppiette" al sugo
· Baccalà alla trasteverina
· Lumache di San Giovanni
· La Pignolata al miele
· Carciofi alla romana
· Insalata all'abruzzese
· Cavolo rosso al vino
· Olive all'ascolana
· Guelfus (o Gueffus)
· Seadas
· Lo Strudel
· I Mustazzolus
· Crema pasticcera

Top 10 Siti Letterari
· 1: Alidicarta
· 2: Poetika
· 3: Rosso Venexiano
· 4: Il Mio Scrittoio
· 5: Morgause
· 6: Piana di Giza
· 7: Poetare.it
· 8: Galassia Arte
· 9: Andrea Mucciolo
· 10: Le Scienze

Top 10 Downloads
· 1: Treccani
· 2: Arunde: tragedia in tre atti.
· 3: UNA GALLINA
· 4: Arunde
· 5: Scherzi del cervello
· 6: Enciclopedia Britannica
· 7: Animator vs. Animation
· 8: Don Pietro Fagà
· 9: Uomo di colore
· 10: Raccolta Poesie

  
Il Mio Scrittoio: Articolo (articoli generici)

Search on This Topic:   
[ Go to Home | Select a New Topic ]

Relatività; Velocità della luce: il tempo rallenta? si ferma?
Lunedì, 25 giugno @ 17:43:42 CEST di admin (4289 letture)
Articolo  (articoli generici)nonsologrigio ha scritto "
Relatività; Velocità della luce: il tempo rallenta? si ferma?
 
John          Stavo riflettendo su alcuni paradossi; sembra proposti dallo stesso Einstein, proprio riguardo agli effetti provocati da velocità prossime a ...
 
Nicolay      ... cioè la massa che accresce la propria energia in base alla sua ... ?
 
John          No! non quella! Mi riferivo a certi paradossi, come quello dei gemelli ... ma ti pare possibile che un fratello, tornando da un viaggio nello spazio, trovi il suo gemello rimasto a terra, più vecchio di quanto lo sia lui stesso?
 
Nicolay      ... ma lo stai dicendo tu stesso ... è un paradosso e ...
 
John          Sì, è una assurdità, ... che non ha senso... si basa sul tempo che rallenta e che addirittura si ferma quando si raggiunge la velocità della luce.
 
Nicolay      Beh... che dirti ...  così dice una parte nella teoria della relatività; non possiamo verificarla appieno in quanto non possiamo andare alla velocità della luce ... ma due orologi atomici, posti l’uno a terra e l’altro su un vettore in rapido movimento rispetto all’altro, sperimentalmente conferma quelle piccolissime variazioni.
 
John          Sì, è vero; ma tutti gli orologi sono composti di materia… cioè di massa; dalla sveglia classica, agli orologi con bilanciere, da quello al quarzo a quelli atomici … tutti muovono delle masse. Ora, con forti accelerazioni, tutti sappiamo che i corpi, proprio in base alla loro stessa massa, offrono una certa resistenza alla variazione di velocità. Gli stessi orologi atomici, i più precisi che abbiamo sono basati sulle oscillazioni dei loro elettroni intorno al nucleo, cosicché se un nucleo atomico si muovesse ipoteticamente alla velocità ‘c’ , i suoi elettroni dovrebbero fermarsi, in quanto oscillando supererebbero la velocità della luce; e ciò non è possibile … o perlomeno, ad oggi, non abbiamo nulla che possa apparirci con una velocità maggiore!
Come dicevo, alla velocità della luce, gli elettroni che oscillano ruotando intorno al proprio nucleo si fermerebbero, ma a velocità relativistiche, cioè importanti rispetto alla velocità di ‘c’, la loro oscillazione si modificherebbe generando un rallentamento … pertanto se qualcosa o qualcuno si muovesse a velocità relativistiche, vedrebbe il tempo rallentare proprio in proporzione alla velocità con cui si muove.
 
Nicolay      … si lo so! allora, secondo te ... un orologio per essere il più preciso possibile, e non mutare il suo ritmo, neppure in particolari condizioni ... da cosa dovrebbe essere costituito?
 
John          Non mi viene in mente niente ... anche se i miei neuroni, in questo momento, stanno oscillando con estrema intensità; proviamo a pensarci ... una corbelleria in più o in meno non cambia le cose, anzi talvolta anche una bestialità detta in un certo contesto potrebbe portare a nuove luci, a nuove visioni; lo sai ... molte idee della fisica moderna sono nate anche inaspettatamente tra persone che, sedute per giornate intere attorno al tavolo di una locanda, discutevano di ...
 
Nicolay      ... ma quelli erano dei grandi! Fisici teorici, vedenti oltre, menti geniali... forse anche un po’ sognatori... ma sempre geni! ... tu ed io ...
 
John          ...dai non deprimiamoci così ... eppure su tanti argomenti, talvolta riflettendo, discutendo o giocherellando con singolari congetture, abbiamo trovato soluzioni possibili o perlomeno … ragionevoli.
 
Nicolay      Ma a proposito prima parlavi di paradossi relativamente alla velocità della luce e di Einstein...
 
John          Sì, parlavo al plurale, in quanto pensavo anche all’altro paradosso: Einstein trovandosi a bordo di un’astronave che si muoveva alla velocità della luce, tentava di farsi la barba davanti ad uno specchio in cui però non poteva vedere la propria immagine … ma penso che questa “trovata” non fosse la sua, ma di qualche suo collega, che vedendolo trascurato sia nei capelli che nella barba, abbia voluto punzecchiare ... il “fisico” .
 
Nicolay      ah ah ... questa mi mancava! certo che il grande Albert ha dato una svolta notevole a tutta la fisica ... e forse era anche un grande furbacchione!
 
John          Furbacchione?!?
http://www.astronomia.com/wp-content/uploads/2012/12/astronave.jpg
 
Nicolay      Certo; Lui è stato uno dei primi a capire che per la velocità non esiste una specifica ...
 
 
John          ... mi ero distratto ... viaggiavo con la mente ... da altre parti ... ma poi ti dico. Ma cosa intendi con specifica …?
 
Nicolay      … le tue distrazioni mi ricordano un famoso fisico teorico, che a Gottinga, dopo aver passato un pomeriggio a discutere con altri colleghi sui neutroni lenti, tornando a casa con la mente immersa in profonde riflessioni, non si avvide di un marciapiede; inciampò e cadde. Lo videro in quella posizione disteso ed immobile. Qualcuno si affrettò per dargli una mano, per rialzarlo. Al ché, il fisico alquanto irritato, con voce infastidita, rivolto a chi gli stava prestando aiuto, disse: ma lasciatemi stare, non vedete che sono occupato!
 
John          ... come lo capisco! … ma cosa intendevi prima con specifica …
 
Nicolay      aspetta … facciamo una premessa; immaginiamo per un attimo di essere su un’astronave iperveloce che partendo dalla Terra si diriga verso un altro mondo.
Stabiliamo anche che la sua velocità sia di 150.000 Km/s , cioè una velocità esattamente la metà di quella della luce.
Da questa astronave, si può comodamente osservare la Terra, e ricevere una trasmissione televisiva, posta sulla Terra, che trasmette continuamente l’immagine di un orologio che scandisce i secondi.
Sull’astronave abbiamo inoltre diversi tipi di orologi tra cui uno atomico.
… secondo te, cosa vedremmo dall’astronave se girassimo il nostro sguardo verso la Terra?
 
John          … direi che vedremmo la Terra ruotare più lentamente, in quanto le sequenze di informazione delle onde visive, data la nostra velocità, ci raggiungerebbero, più dilatate nel tempo; la stessa cosa accadrebbe sul nostro monitor per l’immagine televisiva trasmessa da Terra e che ci mostra l’orologio che continua a scandire il tempo.
Credo che tutto ciò non sia difficile da intuire, ma se non lo fosse … si potrebbe immaginare l’astronave che si allontani dalla Terra alla velocità ‘c’ della luce. In questo caso sarebbe più intuibile che le onde elettromagnetiche provenienti dalla Terra, muovendosi nella nostra stessa direzione ed alla nostra stessa velocità, ci presenterebbero sempre la stessa informazione e quindi  lo stesso “fotogramma” fisso ed immobile sia per l’orologio sia per la Terra; inoltre a questa velocità anche tutti gli orologi che si trovano sull’astronave ci confermerebbero che il tempo si sia fermato.
 
Nicolay      Sicuramente questo è verosimile, ma torniamo ora alla nostra astronave che viaggia a 150.000Km/s. e cerchiamo di capire cosa …
 
John          … sono convinto, in questo caso, che sarebbe impossibile comprendere che il tempo trascorra più lentamente. Guardando il nostro pianeta, non ci potremmo rendere conto che il tempo impiegato per una rotazione terrestre completa, che a noi sembra sempre di 24 ore, corrisponda in realtà a 48 ore terrestri, e che l’immagine dell’orologio trasmessa da Terra, in effetti, segni un secondo, mentre lo stesso tempo sulla Terra corrisponde a due secondi. Anche in questo caso, verificando gli orologi posti sull’astronave, che data la nostra velocità,  hanno rallentato, dimezzando il loro tempo rispetto a quelli terrestri, ci sembra che tutto trascorra normalmente cioè che tutti i tempi, sia sull’astronave che sulla terra corrispondano esattamente …che siano sincronizzati.
 
Nicolay      bene … prendiamo ora in esame una famosa teoria: la velocità della luce è una costante, e rimane tale indipendentemente dalla velocità con cui ci muoviamo.
E’ una teoria completamente nuova rispetto a quella classica; noi sapevamo che camminando a 5 Km/ora nei corridoi di un treno che viaggi a 100Km/ora, la nostra velocità risultava essere di 105Km/ora oppure 95Km/ora in base a quale fosse la nostra direzione, cioè se camminavamo nella stessa direzione di moto del treno o in quella contraria.
Con la teoria della relatività tutto cambia: se noi viaggiamo a 150.000Km/s nella stessa direzione della luce che viaggia a 300.000 Km/s , la fisica classica ci direbbe che la luce viaggia a 150.000km/s rispetto a noi, invece la relatività ci dice che essa è comunque e sempre di 300.000km/s. più veloce di noi.
 
John          Tale cosa non sempre è di facile intuizione e non sempre è compresa.
Possiamo, in qualche modo far “concordare” la teoria classica con quella relativistica?
 
Nicolay      … forse un modo ci sarebbe, e come dicevo prima, quel grande furbacchione di Einstein probabilmente lo sapeva.
Noi, nelle nostre grandezze classiche usiamo dei valori specifici che chiamiamo ‘unità di misura’, con i loro multipli e sottomultipli.
Per il peso abbiamo il Kg
Per la lunghezza (o distanza) abbiamo il metro
Per il tempo abbiamo il secondo
Per il volume il metro cubo (o talvolta il litro)
E tante altre unità di misura specifiche quali il joule, il coulomb, l’ampere,  i gradi, le unità astronomiche, etc. potrei dilungarmi e trovare moltissime unità di misura con le loro tabelle di conversioni per moltissime grandezze … ma …
Ma … noi per misurare la velocità adoperiamo sempre ed esclusivamente un rapporto tra la distanza ed il tempo; non abbiamo una unità di misura diretta per le velocità come accade per le altre grandezze, cosicché per indicare una velocità siamo costretti a parlare di metri al secondo (m/s) di chilometri al secondo (Km/s) o comunque di qualsiasi altro rapporto tra distanza percorsa e tempo impiegato.
 
John          … già…ma torniamo ora a quel furbacchione, e alla nostra astronave che si allontana dalla Terra alla fantastica velocità di 150.000Km/s e domandiamoci di quanto vada più veloce di noi il segnale elettromagnetico prodotto dalla (e sulla) Terra.
Come dicevamo, nella fisica classica, quelle onde elettromagnetiche dovrebbero avere una velocità di 150.000 Km/s rispetto a noi; mentre nella fisica relativistica, quelle onde elettromagnetiche dovrebbero avere sempre una velocità  di 300.000Km/s rispetto a noi.
Si può allora stabilire un legame o comunque rendere compatibili le due teorie?
 
Nicolay      … credo di si.
Come abbiamo visto in quell’astronave che si muove  a 150.000Km/s , rispetto alla Terra (intesa come altro sistema di riferimento) il tempo rallenta e l'orologio qui segna il passare di un secondo per ogni due di quelli terrestri.
In conclusione, noi sulla Terra misuriamo che la luce percorre 300.000 Km/s e che sull’astronave, tale misura risulta identica e costante, cioè assoluta.
In realtà, la luce sopravanza la velocità dell’astronave di 150.000Km/s, ma essendo il movimento dell'orologio dimezzato (ogni due secondi terrestri, sull’astronave per lo stesso periodo temporale ne passa uno solo) ecco che la velocità di ‘c’ torna comunque ad essere coincidente: 300.000Km in "un secondo astronave" (che corrisponde a due secondi terrestri); e anche 300.000Km "al secondo terrestre" sulla Terra.
Ciò non vuole assolutamente dire che la Terra sia un sistema di riferimento privilegiato, ma indica solamente che per ogni sistema di riferimento che si muova rispetto ad un altro,  il tempo appare diverso. La velocità della luce risulterà sempre la stessa proprio in quanto tale velocità si misura come rapporto tra due grandezze di cui una, il tempo, è “molto sensibile” alla velocità. 
 
John          E’ vero! ma questo è solamente quello che percepisce il viaggiatore o forse chiunque, perché essendo la velocità della luce finita, avremmo sempre un ritardo tra una comunicazione (informazione) e l’altra e questo ritardo si traduce in una differenza di tempo; e quindi il tempo in nessun modo può essere unico. Se penso che quando mi guardo, riflesso in uno specchio, non vedo me stesso nel presente, ma mi vedo nel passato (magari solamente di pochi nanosecondi) devo ammettere e comprendere ancor di più la peculiarità del tempo.
D’altra parte devo ammettere che il tempo non può fermarsi o rallentare, anche se apparisse fermo per qualcuno, di sicuro non lo sarebbe per altri!
 
Nicolay      Credo che tu abbia ragione; e a proposito di quei due famosi gemelli, che poi si rincontrano dopo un lungo viaggio spaziale di uno dei due, debbo supporre che colui che ha viaggiato e che si sentiva più giovane, in quanto pensava che fosse trascorso un periodo di tempo relativamente breve, … non si fosse mai guardato allo specchio: due gocce d’acqua… e tuttora i loro più intimi amici, … non riescono a distinguerli!
 
 
p.s.             In questo breve racconto, tutte le misure riferite al tempo, derivato dalle velocità e quindi dallo spazio percorso, sono alquanto grossolane e servono esclusivamente a dare l'idea di come variando un parametro, ne varino altri. Se ci dovessimo attenere alle equazioni einsteiniane quell'orologio rallenterebbe il moto delle proprie lancette solamente del 15-16%; se ci attenessimo a quelle classiche newtoniane quel rallentamento apparirebbe di circa il  33%.
                  Pertanto nella formula  v = s / t
 
(dove v = velocità,  s = spazio percorso e  t = tempo impiegato),
  i valori sono strettamente correlati tra di loro in relazione reciproca).
                  Dobbiamo però tenere conto che le informazioni (che viaggiano alla velocità della luce) ci appariranno con  tempificazioni diverse quando noi ci muoviamo con velocità significative rispetto a quelle della luce: andando incontro all'informazione questa ci raggiungerà in un tempo molto più breve di quanto ci metta la stessa informazione a raggiungerci quando noi ci allontaniamo da essa. Da questa semplice intuizione logica, potremmo parlare di "contrazione delle lunghezze" (o delle distanze), oppure di "espansione delle lunghezze" (o delle distanze) percepite.
                  Nello specifico, una lunghezza ci apparirà "più breve" se noi viaggiamo verso quell'informazione, oppure "maggiore" se noi ci allontaniamo da quell'informazione. Quando parliamo di "lunghezza", intendiamo ovviamente anche lo "spazio percorso".
                  Ecco quindi che muovendoci a velocità relativistiche i tempi sembrano dilatarsi, le velocità mutare e  lo spazio verso cui ci dirigiamo "comprimersi", mentre quello da cui ci allontaniamo "espandersi".
                  Da tutto ciò, si evince che, indipendentemente dalla velocità con cui ci muoviamo, quella di c (velocità della luce) ci appare come una costante (cioè una velocità, di 300.000 Km/s. in ogni direzione).
                  In effetti, lo stesso esempio, si potrebbe fare con velocità significative rispetto a quelle del suono, se dovessimo usare il solo udito come riscontro. Ammettiamo idealmente che non esistano le onde elettromagnetiche (e quindi nemmeno quelle visive) e che per misurare le grandezze ci dobbiamo attenere esclusivamente al suono ed alla sua velocità di propagazione (340m/s. nell'atmosfera). Anche in questo caso il nostro udito subirebbe la stessa "visione sensoriale". Immaginiamo un'asta rigida di determinata lunghezza, che emetta simultaneamente alle sue estremità due segnali acustici distinti; questi segnali saranno percepiti (uditi) in un intervallo di tempo (t) diverso, proprio in base a come l'osservatore (uditore) si muova rispetto ad essa; ad un valore t più breve ci sembrerà che l'asta rigida sia più corta (e viceversa). Ma se conoscessimo la reale lunghezza dell'asta, ci potrebbe sembrare che sia il tempo (t) a mutare. Infine conoscendo la lunghezza (s)  dell'asta, e l'esatto scandire del tempo (t), la nostra velocità (v), apparirà diversa da quella con cui realmente ci stiamo muovendo.
                  Ma tutto questo lo vedremo meglio e in dettaglio nella seconda parte di questo articolo.
 
  nonsologrigio (Fabio Mattia)
 
"

(commenti? | Voto: 4.85)

Lo ZERO fratto ZERO (e non solo) nella Matematica
Martedì, 18 maggio @ 16:33:27 CEST di admin (4036 letture)
Articolo  (articoli generici)nonsologrigio ha scritto
 

Lo ZERO (e non solo) nella Matematica

Un’ipotesi matematica è presentata come una normale conversazione tra due ricercatori. Il dialogo che avviene in una breve ricreazione, rilassante e piacevole, serve da tonificante mentale alle stressanti e spesso ripetitive azioni che i due studiosi devono compiere, talvolta con risultati solo parziali, per portare avanti la loro complessa ricerca.


 

 
 
"

(Leggi Tutto... | 26014 bytes aggiuntivi | 1 commento | Voto: 4.44)

La Sapienza: invito imprudente al Papa
Domenica, 10 febbraio @ 15:49:21 CET di admin (922 letture)
Articolo  (articoli generici)Nonsologrigio ha scritto "
La Sapienza: invito imprudente al Papa
 
In una Università, l’inaugurazione dell’anno scolastico s’impernia intorno alla lectio magistralis; lezione che generalmente è affidata ad uno studioso, ad un esperto, ad un conoscitore profondo di una determinata materia, di un concetto, di una tesi o di un argomento,  che  possa poi, essere confrontata con ipotesi alternative, con analisi da punti di vista diversi o dove sia possibile aprire un contraddittorio.
 
Questi  requisiti e questi presupposti, non sono ovviamente applicabili ad un teologo che venga ad esporre delle Verità assolute e divine, quindi non discutibili e non trattabili.
 
Per questa ragione ritengo che l’invito al Papa, da parte di una Università pubblica, sia stato molto imprudente.
 
Quello che avvenne successivamente, fu dettato da altri fattori:
 
Il dott. Ratzinger, ancora cardinale, si era espresso in maniera ambigua sul processo che la Chiesa fece a Galileo Galilei nel XVII secolo  affermando ultimamente: “il processo della Chiesa contro Galileo fu ragionevole e giusto"  (Galileo venne scomunicato e condannato per eresia, in quanto asseriva che la Terra non fosse al centro dell’universo ed il Sole non girasse intorno ad essa: per la Chiesa ciò non poteva essere vero, in quanto contrario alle Sacre Scritture. Solo Giovanni Paolo II riabilitò, dopo quasi 4 secoli, Galileo).
 
Molti ecclesiastici si sono, poi, precipitati a far notare che ciò, riguardava esclusivamente la "Chiesa in quei tempi".
 
Ma sicuramente anche le opinioni anti-scientifiche ed oscurantistiche del dott. Ratzinger, contribuiscono ad un clima, molto poco sereno.
 
Ultimamente, settembre 2006,  il quotidiano della CEI si scaglia contro coloro che accettano  il concetto della  teoria dell’evoluzione, in quanto ciò è in contrasto con il Dio Creatore: creatore dell’uomo  (argomento del resto, non molto dissimile da quello di 4 secoli fà).
 
Nel 2004, con parole non troppo diverse si era espresso il dott. Ratzinger nei confronti dello sviluppo di nuove conoscenze:  biologia, ricerca del codice genetico e  basi delle radici della vita.
 
Il dott. Ratzinger, è ovviamente libero di esprimere le proprie idee ed il proprio parere.
Così ha fatto nel messaggio inviato alla Sapienza, mettendo in correlazione la reciprocità tra “scientia” e “tristitia”;  citando sant’Agostino che dice: “ il semplice sapere, rende tristi”.
 
Certo che quella frase, indirizzata agli studenti di una Università, dove il sapere e l’apprendere fanno parte, non solo di una intima brama di conoscenza che è propria dell’uomo, ma anche di una specificità culturale tipica, appare sicuramente goffa e comunque mal si addice,  ad un’accademia il cui nome è: “La Sapienza”.
 
Nonsologrigio
"

(Leggi Tutto... | 1 commento | Voto: 4.71)

Paure inutili di massa
Mercoledì, 17 maggio @ 11:27:19 CEST di admin (669 letture)
Articolo  (articoli generici)GASPERINO ha scritto "
Paure inutili di massa.

  Il TAMalex BrulFLU,
"

(Leggi Tutto... | 6653 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 0)

Auguri al nostro nuovo Presidente della Repubblica
Mercoledì, 17 maggio @ 11:25:39 CEST di admin (678 letture)
Articolo  (articoli generici)GASPERINO ha scritto "

Caro Presidente,

mi permetta di augurarle i miei più sentiti

"

(Leggi Tutto... | 789 bytes aggiuntivi | commenti? | Voto: 3.5)

  
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Chi è online
In questo momento ci sono, 169 Visitatori(e) e 2 Utenti(e) nel sito.

Non ci conosciamo ancora? Registrati gratuitamente Qui

Lista (casuale) Categorie

Sceneggiatura
[ Sceneggiatura ]


Notizia di oggi
Ancora Nessun Articolo.

Articoli Precedenti
Al momento non ci sono contenuti in questo blocco.

Totale Ingressi

32437160
pagine viste dal April 10, 2006

Il Mio Scrittoio  mette a disposizione il sito per tutti coloro che vogliono far conoscere i propri scritti letterari o le proprie opere attraverso un mezzo informatico. Gli autori che pubblicano sul sito non cedono alcun diritto a Il Mio Scrittoio e rimangono pienamente titolari e proprietari dei loro diritti d'autore.  Il Mio Scrittoio non è responsabile del contenuto e della qualità dei testi pubblicati, e dell'eventuale uso fraudolento di terzi che dovesse derivare dalla disponibilità del testo on line.


Tutti i loghi e i marchi di fabbrica, in questo sito, sono dei rispettivi proprietari. Tutti gli articoli, i testi ed i commenti sono di proprietà di chi li scrive,

tutto il resto © 2006 di   Sergio Melecrinis


Distributed by Raven PHP Scripts
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.12 Secondi