Welcome to Il Mio Scrittoio

Search   in  

 Create an AccountHome | Pubblica Opera | Iscrizione | INFORMAZIONI | Opere e Autori | Lettura Opere | Testi pi¨ Letti  

Menu Generale

 Messaggi
 Messaggi privati

 Letteratura
 Pubblica le tue Opere
 Testi pi¨ letti
 Leggi le Opere
 Opere a Autori
 Archivio Opere
 Opere Top 30
 Ultimi Testi
 Cerca

 di Fedor Nicolay Smejerlink
 ARUNDE (tragedia inedita)
· Raccolta Poesie
· Ester (romanzo)
· Il pane dell'anima
· Don Pietro FagÓ
· L'accalappia-cani
· Il pÓpparo
· La galleria degli antenati
· L'asino
· Il ponte
· Foglie morte
· Lorca il servo
· Un giorno di Maggio
· La quercia
· Lo scopone scientifico
· Oasi
· Una casa che non ...
· I tutoli
· Senza meta
· Tra un pasto e l'altro

 
 ARUNDE: tragedia inedita in tre atti (pdf)
 di Fedor Nicolay Smejerlink
· Morto un Papa (pdf)
 di Francesca Santagata

 CUCINA
 Ricette locali tipiche

 Info
 Statistiche
 Il tuo profilo
 Aggiungi Sito
 Giornale
 Altri Link

 Opinioni
 FAQ
 Feedback
 Gruppi Utenti
 Segnala questo Sito
 Valutazione

 Rosso Veneziano
 Poetika
 Alidicarta
 Galassia Arte
 Poesieitaliane
 Poesie per ragazzi
 PoesieRacconti
 Fiori di pensiero
 Altra Musa Poesia
 ewriters
 Il Romanziere
 il Club dei poeti
 Scrittori Emergenti
· IsoladellaPoesia
· Scrivere Poesie
· Poesie sulla donna
· Portfolio poetico
· Parole del Cuore
· Poesia Nuova
· Poesie in versi
· Poesie d'Amore
· eros poesia
· 
· Libri da leggere
· favorites book

 Le Scienze

 Science
 Scientific American
 National Geographic
 Nature.com
 Galileo
 NewScientist
 Newton
 Focus
 Coelum
 Crisper
· 

 
 la Repubblica
 Corriere della Sera
 Il Messaggero
 LA STAMPA
 Ansa
 l'huffington post
 L'Espresso
 il POST
 Lettera43
 Infosannio
 Adnkronos
 il Fatto Quotidiano
 Linkiesta
 Libero
 il Giornale
 IL FOGLIO
 Il Tirreno
 Il Tempo
 Italia Oggi
 L'UNIONE SARDA
 Alto Adige
 IL MATTINO

 Gazzetta dello Sport
 Corriere dello Sport
 Tuttosport
· 

 Quotidiani Europei
 

 Meteo
 Meteo Aeronautica M.
 il Meteo
 3Bmeteo
 MeteOit

  TV
  Stasera in TV
 Programmi Tv

 Wikipedia
 Treccani
 Dizionario Etimologico
 Dizionario Hoepli
 Il Sabatini Coletti
 Dizionario Italiano
 Wikizionario
 Wikiquote
 Wikibooks
 Enciclopedia Brit.

 
 Google

 
 Facebook

 
 Twitter

 
 IMU-Tares-iuc

 
 Agenzia Entrate

 
 SISTER
 Visure Catastali

 Blog
 Beppe Grillo
· Marco Travaglio
· Cado in piedi
· Gad Lerner
· ByoBlu
· POLISBLOG
· Paperblog
· il POST
· Furio Colombo
· Piovono Rane
· La27ORA
· Wittgenstein
· Manteblog
· TVblog
· BooksBLOG
· DiPIETRO
· Cineblog
· AgoraVox
· Made in Italy
· Dario Fo
· TUTTOBENIGNI

 Effetti ottici
 Animator/Animation
 La Gallina ...
 Paesaggi di Cibo
 Uomo di colore
 Anamorfismo
 Scie nei cieli
 Foto Stupende
 Viste Splendide
 Attimi di saggezza
 Body-Scanner


 Attualmente Chiuso


Ricette locali tipiche

· Orecchiette con le cime di rapa
· Orecchiette gamberi e zucchine
· Pasta e fagioli
· Brasato al Barolo
· Frittelli di baccalÓ
· Pampepato
· Panforte
· Insalata di mare
· Pasta alla Norma
· Spaghetti al nero di seppia
· Pasta con sarde
· Pasta con i broccoli
· Spaghetti con le uova di ricci
· Involtini di pesce spada
· Calamari ripieni
· Pepata di Cozze
· Tonno con cipolle in agrodolce
· Parmigiana di melanzane
· Caponata di melanzane
· Peperonata
· I Cannoli Siciliani
· Cassata siciliana
· Zuppa di pesce
· Frutta martorana di marzapane o pasta reale
· Antipasto di gamberetti
· Besciamella
· Bigoli
· Cren
· Torta all'arancia
· Maionese
· Marrons glacÚs
· Minestrone
· Pesto alla Genovese
· Salsa Verde
· Polenta
· Bucatini alla Amatriciana
· Spaghetti (o rigatoni) alla carbonara
· Spaghetti cacio e pepe
· Spaghetti aglio, olio e peperoncino
· Tagliatelle alla carrettiera
· Fettuccine alla papalina
· Fettuccine alla Ciociara
· Pasta alla checca
· Penne alla arrabbiata
· Stracciatella
· Fritto alla romana
· Saltimbocca alla romana
· Pajata in umido
· Coda alla vaccinara
· Trippa
· Coratella con carciofi
· "Coppiette" al sugo
· BaccalÓ alla trasteverina
· Lumache di San Giovanni
· La Pignolata al miele
· Carciofi alla romana
· Insalata all'abruzzese
· Cavolo rosso al vino
· Olive all'ascolana
· Guelfus (o Gueffus)
· Seadas
· Lo Strudel
· I Mustazzolus
· Crema pasticcera

Top 10 Siti Letterari
· 1: Alidicarta
· 2: Poetika
· 3: Rosso Venexiano
· 4: Il Mio Scrittoio
· 5: Morgause
· 6: Piana di Giza
· 7: Poetare.it
· 8: Galassia Arte
· 9: Andrea Mucciolo
· 10: Le Scienze

Top 10 Downloads
· 1: Treccani
· 2: Arunde: tragedia in tre atti.
· 3: Arunde
· 4: UNA GALLINA
· 5: Scherzi del cervello
· 6: Enciclopedia Britannica
· 7: Animator vs. Animation
· 8: Uomo di colore
· 9: Don Pietro FagÓ
· 10: Raccolta Poesie

  
Foglie morte

Contributo di fedor , Lunedý, 20 ottobre @ 18:07:23 CEST

Romanzo (racconto, novella, storia)
Foglie morte
 
 
Si sperdono come i desideri. Foglie morte.
Fu nella piana di Mamuntanas, quando il corvo gracchia indisturbato dai sassi tesi del nurago e la civetta attende la sera prossima per fare sue le prede.


Il sole cade a sghimbescio tra le fetide pozze di Fertilia e la curva di Porto Conte, e Alghero è rossa come un’aragosta viva.
Il vento viene su, ansimando, ansimando, dal mare; il suo respiro penetra nelle forre, si avviluppa ai muri a secco, procede stanco. Si sperde nelle sugheraie e le chiome ne raccolgono il morente brivido.
Morente, intriso di sangue, implorava dal cielo una tregua alla morte. Gracchiava il corvo e la civetta sadica, taceva.
Corri, corri, prima che l’anima se ne parta più veloce, pensiero.
Una corsa folle, una corsa innocente in cerca di sole. I Grampiani sono pieni d’ombra, mi hanno invaso l’animo di tristezza; Doris mi corre dietro volentieri, nemmeno a lei piacciono le basse nebbie le brevi giornate ottobrine di Dyce.
Si affaccia come un’ampia terrazza sul mare del Nord, ha i prati verdi, le case verdi, le strade verdi. Verdemelmosa, febbricitante ai primi brividi autunnali, talvolta ci respinge, ci getta nelle braccia di Aberdeen, cieca fra cento luci sgargianti, sorda tra suoni e ritmi nuovi; una breve corsa sul Dee ch’è fiume e mare, perché ha le acque salate e io ignoro se i Grampiani siano colossi trasformati in sale per un’empietà immemore.
Lo sguardo scorre sulla carta; il Mediterraneo, le sue isole, tiepide, accoglienti: Le Baleari, Corsica, Sardegna, Sicilia, Malta, Cipro.
Interrogo Doris con lo sguardo; ho visto da presso le cerbiatte incerte, smarrite; spegnere quegli occhi è un’infamia, perché quegli occhi amano il sole. Doris adora il sole; un’isola rossiccia, trapezioidale, su sfondo azzurro. Il dito indugia. Qui. Una parola breve; un sorriso dolce, interrogativo.
I treni corrono come fantasmi, scagliano dardi irreali nella notte; ombra, luce, ombra; distaccato dal corpo, con una vita assestante, in aritmia con il sangue, in sincronia con i dan-dan, dun-dun delle rotaie. Trattenuto sul filo di un rasoio che scorre, scorre.
Doris già dorme, dischiusa la bocca, affogata nei capelli cascanti come da una pannocchia matura. Sotto le palpebre stanche, i globi si muovono percettibilmente: inseguono fantasmi luci-ombre che proiettate dal pensiero scorrono sulla retina al rallentatore.
Domani avrai una veste di raso, una sciarpa a grandi scacchi attorno al collo e i capelli raccolti in grumo rossastro sulla nuca; su una nave che si lascia alle spalle una terra piatta, nera, che ci fa le linguacce, lingue neroraspose; i monti della Tolfa nericarbone, smarriti in uno scenario pigro, in estasi.
Sento il bisogno di scendere in acqua, farmi trascinare sulla scia della nave, avvolto in una frescaserica veste azzurra, inebriarmi di guizzi come i delfini.
La Sardegna è una terra stanca, magra; è piovuto troppo sopra e l’ossatura n’è rimasta in più punti nuda, ma nulla mostra di impudico. Il sole ha rinsecchito le piaghe e ha reso le ossa bianche.
Doris salta, incespica fra queste ossa sparpagliate, conficca le unghie nella corteccia degli alberi per saggiarne la resistenza, cerca un’eco lontana alla sua voce argentina e le risponde il tintinnio lento dei campani che iugolano i bovi magri assetati.
Parliamo con la natura, per sensi occulti. L’erba è ruvida come pianete ricamate in oro; fa, fanno male alle mani tenere, molli.
Un luccicore sinistro si leva dagli acquitrini e le contadine spossate, cantilenando, si fanno solecchio, hanno nel volto le fenditure che il sughero acquista per respirare, hanno le mani rigate, le unghie smozzicate.
Doris graffia il sughero. Un uomo segue ogni sua mossa, dal viso irregolare, sgraziato; si perde nelle brache e la giacca non gli abbottona sul petto. Non guarda, esplora, fiuta la preda; come di un’era antichissima, ignota.
Doris fascinante mi urla che qui il Signore ha creato la sua quiete, che il vento quieto è il suo respiro.
Ansimando l’uomo mi guarda, quei suoni lo hanno percosso alle tempie; io, l’intruso.
Abbiamo raccolto il fiore della camomilla tra la petraia calda autunnale; Doris salendo leggera come una daina sui fianchi di montagnola ha scoperto fiori di lavanda, me lo annuncia con voce squillante che si spande rapida, improvvisa.
La nostra automobile, ferma sul ciglio della strada, se ne fa man mano colma, e Doris cerca ancora. Cerca qualcosa di nuovo, un fiore che non conosce, di cui avverte nell’aria il profumo.
L’uomo fiuta anch’esso un fiore sconosciuto, dal profumo che stordisce, e se ne sta aggrappato laggiù ad un albero, stanco. I suoi occhi hanno bagliori. I campani risuonano lenti, nel vespro.
Con il suo occhio ciclopico il nuraghe ci guarda, né divertito, né astioso. Ritiene episodi lontani, voci antiche.
Come te, vennero da altra terra, traversando il mare, uomini dallo sguardo ardente, impregnati di salsedine. Alcuni coperti di pelli, altri di bisso. Servi e signori, dissero loro la terra deserta, cantarono un inno, in coro, in omaggio al dio dei venti e invocarono la tempesta contro chi avesse osato avventurarsi verso il loro nuovo dominio. Con mani sapienti modellarono la pietra ed io venni su come un’escrescenza terrestre, snello svettante.
E gli aborigeni scesero dalle giogaie e vennero fuori dalle selve, cingendosi con corni di capro, esili. Non so se fu lussuria, desiderio di sangue, stordimento. Ma di certo il piacere della lotta; l’istintivo ardente piacere di lacerare le carni, di ritrovarsi fiere con zanne ed artigli. Accolsi i primi morti, i corpi stanchi, sanguinanti, e li protessi come figli fra le mia braccia. A me vennero devotamente pregando le donne, cessato l’odio nei cuori e stanche da lunghi pianti.
Imbruna; Doris mi incita fra le ginestre, saltando, correndo. L’ombra ti ferma come alle soglie di un mondo sconosciuto, irreale. I poggi perdono in altezza, si stendono per riposare; gli alberi fan da guardiani, divenuti altissimi, dominatori del silenzio; sterpi e roveti come consunti dal fuoco stendono una macchia nera ineguale sulla terra, ferace di tanto debbio.
Protendo le mani; una luna nascente getta miriadi di corpuscoli filiformi, tessono una trama sottile, impalpabile nell’aria senza sesso, penetrante; le sento umide, quasi bagnate, in devota preghiera. Come se un suono; come se una lontana melodia, tu sogni. L’ebbrezza raggela i corpi, il veleno il sangue. Stille di desiderio si condensano sulle nostre mani, evaporano in particelle esili, armonia di essenza fra cielo e terra.
Un fruscio, come di corpo levitato sulle stoppie, e mani, mani impregnate di sangue, per nulla. Mani maledette e sulla tua nuca un grumo rossastro, Doris. Un grumo filiforme, non i tuoi capelli raccolti, la bocca serena.
Mani intrise di veleni notturni, che in un attimo l’ombra, pronuba la fredda luna, ha prodotti. Vorrei stringere fino a che l’intreccio delle tue dita riunisse le concave palme, ma me ne manca la forza. Torpida assenza di vigoria; uccidere perché ha ucciso e questo gorgoglìo nella strozza mi fa schifo, come il contatto di un animale immondo. Allento la presa e scaglio lontano un corpo floscio; alito caprino, fetore di bovi.
Mi curvo su Doris, un rivolo di sangue giù per la fronte sul volto solitario. Un serpentello nero che si agita ai riflessi della luna come in cerca di un punto dove mordere, strisciando silenzioso sul viso bellissimo, sul collo bianco, sulla terra stanca. non sentirai più i singulti del tuo mare del Nord, non scenderai nelle gelide acque del Dee, non salirai alle verdi terrazze di Dyce per assistere ai tramonti di indaco tra le chiome brumose dei Grampiani, non, non; nell’aria si disegna un tempio evanescente, braccia leggere come di angelo sotto la sua protezione. Il marmo è freddo ed io vi poggio i ginocchi ed erro con lo sguardo fra le navate altissime confinanti con il cielo, e si dissolve ogni cosa. Resto ancora solo con Doris, tutto solo.
Non so se la luna ha teso un suo dardo, se con esso mi ha colpito fra le costole, frivola: benigna, ora che Doris tace, che non mi fa giungere la sua voce squillante argentina.
Ti sono accanto, Doris; vinto dallo stesso torpore. Ti interrogo con lo sguardo e non raccolgo né una parola né un cenno. Pare che tu mi sorrida con i tuoi occhi spenti. Spegnere quegli occhi è stata un’infamia; che almeno con queste mani ti senta ancora vicina e per esse tu possa riposare sotto la protezione di un angelo, al riparo da ogni oltraggio.
Corri, corri, anima; lasciaci soli ormai, perché il pensiero ti ha potuto precedere di quanto desiderava.
Ogni desiderio è spento. Foglie morte. 
 
Fedor Nicolay Smejerlink

 
Login
Nickname

Password

Non hai ancora un tuo account? Crealo Qui!. Come utente registrato potrai sfruttare appieno e personalizzare i servizi offerti.

Links Correlati
· God
· God
· Inoltre Romanzo (racconto, novella, storia)
· News by admin


Articolo più letto relativo a Romanzo (racconto, novella, storia):
Don Pietro FagÓ


Article Rating
Average Score: 5
Voti: 1


Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad


Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


"Foglie morte" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono di proprietà dell'inserzionista. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.

Commenti NON Abilitati per gli Anonimi, registrati

Il Mio Scrittoio  mette a disposizione il sito per tutti coloro che vogliono far conoscere i propri scritti letterari o le proprie opere attraverso un mezzo informatico. Gli autori che pubblicano sul sito non cedono alcun diritto a Il Mio Scrittoio e rimangono pienamente titolari e proprietari dei loro diritti d'autore.  Il Mio Scrittoio non è responsabile del contenuto e della qualità dei testi pubblicati, e dell'eventuale uso fraudolento di terzi che dovesse derivare dalla disponibilità del testo on line.


Tutti i loghi e i marchi di fabbrica, in questo sito, sono dei rispettivi proprietari. Tutti gli articoli, i testi ed i commenti sono di proprietà di chi li scrive,

tutto il resto © 2006 di   Sergio Melecrinis


Distributed by Raven PHP Scripts
PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.11 Secondi