Il Sito è in manutenzioneaccesso limitato ed in sola lettura
FRASE126.GIF

Nell'oscurità profonda dell'abisso

un'ombra fosca si aggira silenziosa

e cupa. Stilla. La goccia si frange

opaca sul fondo catramoso e smorto.

 

Un velo sinistro pervade, nella notte,

l'etere già torvo; un olezzo afoso, di acre

intriso, s'innalza; si spande pesante e gobbo.

Solitudine indistinta, misteriosa e fitta.

 ... non hai di che vivere
e il cielo è pieno di stelle.
 
Angoscia vaga penetra
i tuoi giovini anni
e ti sembra vivere da millenni
in un torpore continuo.
 
 
 Cos’è che bussa violentemente
alle porte di questa vita
effimera, se l’anima
non palpita neppure un istante?
 

      No tuorna ppiù !

 

Parevano st’occhiuzzi toi lucenti

comme due stelle ne la notti chiara

a vocca tua addorusa de quadrara

perderi mi facea li sentimenti .....

 

Quanno scenneva o sole e la marina

co ‘a ninna-nanna do mare s’addormia

tu venive su e scogli in brazza a mia;

a notte me parea cosa divina .....

Questa dentro di  me è ansia

che alimenta la sete

del vento turbinoso dei pensieri

e non appassisce al soffio

della ragione. Le traboccanti

immagini in sequenze fantastiche

perdono ogni dimensione

come voli d’aquila assorbite

nel nulla e di frammenti eterei

E se la Gravitazione Universale non fosse una forza attrattiva, ma repulsiva?

 

Un’ipotesi teorica è presentata come una normale conversazione tra due ricercatori, con nomi di pura fantasia. Il dialogo che avviene in una breve ricreazione, rilassante e piacevole, serve da tonificante mentale alle stressanti e spesso ripetitive azioni che i due studiosi devono compiere, talvolta con risultati solo parziali, per portare avanti la loro complessa ricerca.

John ... stavo pensando che noi, a volte, ci fissiamo su alcune cose, dandole per scontate!

Serghey A cosa alludi?

John … leggevo alcuni articoli riguardo il Big Bang…

Io v’ignoro, o uomini, e ignoro

ogni cosa che da voi a nascimento.

Il firmamento, le acque

e le chiome degli alberi mosse dal vento

sono il coro divino

che più piacque all’anima mia

sola, in estasi

nel vuoto mondo, piccino. Immensa

è quest’anima quanto il Creato

e vola e librasi

senza confini, come l’Etterno.

Luce e calore le sono compagne

e permeato

fin nelle latébre mi sento,

Relatività; Velocità della luce: il tempo rallenta? si ferma?

 

John          Stavo riflettendo su alcuni paradossi; sembra proposti dallo stesso Einstein, proprio riguardo agli effetti provocati da velocità prossime a ...

 

Nicolay      ... cioè la massa che accresce  la propria energia in base alla sua ... ?

 

John          No! non quella! Mi riferivo a certi paradossi, come quello dei gemelli ... ma ti pare possibile che un fratello, tornando da un viaggio nello spazio,  trovi il suo gemello rimasto a terra, più vecchio di quanto lo sia lui stesso?

 

Nicolay      ... ma lo stai dicendo tu stesso ... è un paradosso e ...

Sottocategorie

Online

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online

Search

Gli ultimi arrivi..

31 Luglio 2017
30 Luglio 2017
27 Luglio 2017
29 Giugno 2017

Il Mio Scrittoio  mette a disposizione il sito per tutti coloro che vogliono far conoscere i propri scritti letterari o le proprie opere attraverso un mezzo informatico. Gli autori che pubblicano sul sito non cedono alcun diritto a Il Mio Scrittoio e rimangono pienamente titolari e proprietari dei loro diritti d'autore.  Il Mio Scrittoio non è responsabile del contenuto e della qualità dei testi pubblicati, e dell'eventuale uso fraudolento di terzi che dovesse derivare dalla disponibilità del testo on line. Tutti i loghi e i marchi di fabbrica, in questo sito, sono dei rispettivi proprietari. Tutti gli articoli, i testi ed i commenti sono di proprietà di chi li scrive, tutto il resto © 2006 di Sergio Melecrinis

Please publish modules in offcanvas position.