FRASE62.GIF
Oasi

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

A Turi avevano detto che quella sarebbe stata una vita da cani, esposto sempre al freddo e alle intemperie e, quando il sole scotta, al riverbero del pietrisco infocato che brucia gli occhi e incolla la lingua al palato; avevano insistito ché rimanesse tra loro, perché il pane sul mare lo si guadagna comunque e che infine un aiuto, un consiglio, un conforto se lo potevano dar l’un l’altro, venuti insieme su dall’infanzia, con negli occhi stemperato il ceruleo di quel mare limpido e immenso,

dal quale non potevano staccarsi senza un rimpianto nel cuore e un senso di smarrimento nell’animo.

Don Pietro Fagà

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

 

Soleva dire, a chi ancora gli chiedeva perché i figli amavano il lavoro come il diavolo l’acqua santa, che lo sbaglio più grosso della sua vita era stato quello di avere sposato la figlia di Antonio Ballotta, che terre al sole ne aveva tanta da poter dare lavoro a tutta la gente di Majerato e di Sant’Onofrio messa insieme, ma che lui non si era mai preoccupato di andare a vedere quanto era lunga e quanto era larga per non far la fatica di percorrerla a piedi.

Taormina

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

La marina tace, vinta

dal torpore dei secoli.

Ha spento tutti i suoi raggi

il sole sugli scogli

disseminati dalle mani

del Ciclope sul terso

del mare. Sentirai

ingigantita la tua voce

dalla voce dell’Etna

A Te

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Volle te, pallido fiore, al Suo fianco

e ti investì di amore intenso

perché sprigionassi il profumo

racchiuso nell’umile boccio.

Ora mi sembri fatta di cera

e di carne, creatura infinita

plasmata dalla Sua mano divina

per un disegno inconoscibile.

Io sarò curvo dagli anni e tu curva

Vecchiezza

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Ho come un desiderio

di cielo. Non so le cose

che anelo nella vita.

Se la via è battuta dal vento

sento il desiderio (provo il tormento)

di volare con esso, senza meta:

se il fiume scorre

rapido, vorrei farmi accogliere

Verrà la notte

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Esca senza profumo, luce.

Colmi di colori le cose

di pensieri le anime, odi

il brulichio della terra.

Di male è testimone l’intima

fibra di te, tenui contrasti

che ti percuotono, deviano

un’onda che sola poteva

fissare un attimo dell’infinito.

Epigramma

Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva

                 EPIGRAMMA

 

Salvar le oche un giorno il Campidoglio

e maledette furon dal Gallo;

 

siedon gli asini adesso su quel soglio

ma benedetti son per ogni fallo!

 

Fedor Nicolay Smejerlink

Lo scopone scientifico

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva

Antonio Cambazzu un emerito giocatore di scopone era; un marito ideale, un ammiratore del bel sesso non lo sarebbe stato mai.

Un niente e uno si rovina con le proprie mani. Succede un terremoto, scoppia un’epidemia, va a fuoco la casa, e chi la scampa piange per i mali accorsigli; poi man mano si consola, riassesta la sua vita e in fondo si rallegra d’averla scampata; non ci pensa più: non è dipeso dalla sua volontà.

Cambazzu non sa vivere senza lo scopone scientifico; a lui la moglie non servirebbe. E va a prendere moglie.

Dalla sciagura del Vajont

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Un giovine, abitante verso la parte alta del paese, ha la sensazione dell’imminente sciagura e fugge dalla casa verso il monte, trasportando sulle spalle la vecchia madre che si trovava già a letto.

… e non ti parve mai più dolce

peso quale alle spalle, agli omeri

ti avvolse la madre assorta

nei suoi sogni e in sogno

orrido intenta per l’erta

spettatrice andava, col tuo

Il Ponte

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Mugghia il Velino, Rico, e contro il ponte cozza con uno spasimo incalzante. Lo senti?

Da poco m’ero assopito; e tu di nuovo mi svegli. Avessi le orecchie felpate come le donne della mia terra!

A te, Irpino, questo gemito fa da strana ninna nanna e t’addormenta; ma io ho le orecchie forate come il cinghiale marso e so da dove spira il vento e non mi sfugge stormir di fronde.

Se taci e tieni aperti gli occhi, mentre io dormo, non ti sfuggirà nulla, o moglie, di questa tempestosa notte.

Il Mio Scrittoio  mette a disposizione il sito per tutti coloro che vogliono far conoscere i propri scritti letterari o le proprie opere attraverso un mezzo informatico. Gli autori che pubblicano sul sito non cedono alcun diritto a Il Mio Scrittoio e rimangono pienamente titolari e proprietari dei loro diritti d'autore.  Il Mio Scrittoio non è responsabile del contenuto e della qualità dei testi pubblicati, e dell'eventuale uso fraudolento di terzi che dovesse derivare dalla disponibilità del testo on line. Tutti i loghi e i marchi di fabbrica, in questo sito, sono dei rispettivi proprietari. Tutti gli articoli, i testi ed i commenti sono di proprietà di chi li scrive, tutto il resto © 2006 di Sergio Melecrinis