Ar caro nostro Papa

Stampa

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Er Papa, sarvognuno, è ‘na potenza

‘na potenza che ar monno nun c’è guale

e seppure ha perduto er ‘temporale’,

Re c’è arimasto e l’antri so’ccellenza.

Lui te predica sempre l’obbedienza

la carità, er bene universale,

pe’ poi, co’ la scommunica papale,

ridutte cinicio appena che ce penza!

 

Appresso, Lui riflette e poi raggiona,

se pente de’ soprusi dar clero praticati

in secoli de storia, …ma nun dimenticati!

La carità, sarebbe cosa giusta e bona!

L’infalibbilità, … mica tanto ce scoijona!

 

Città sacra, sovrana, stipata de bajocchi,

s’adorna de ladri, infidi, maligni e … loschi trami:

quelli che vanno co li bimbi… i più infami!

Evver, sò pochi, ma….sò sempre troppi,

e dè la prima cosa che… te sarta all’occhi!

 

Perantro, pe affogasse in antro intrujo,

d’etica, de fede e de morale, Lui fà miscujo:

se je viè l’estro, come fusse gnente,

tratta de scenzie,  e d’ogni astruseria;

ma, se capisce, ciò lo fà  pe’ via

che l’antri sò er braccio, e lui è la mente!

 

Se nun ce credi, l’una o l’antra sera,

fatte ‘na capatina ar Cuppolone

e vedrai si che razza de mandrione

sta a fà la ronna... e ner prodiggio spera!

         

nonsologrigio