La ribellione

Stampa

Hanno congiurato gli dei

contro l’uomo, creandolo

cieco, ambizioso, crudele

e infine mortale.

Seggono torvi sugli usci o per le strade

all’ombra dei platani

ed hanno pensieri intrisi di sangue

e di bava. Ma stanno immobili

mentre un tumulto più grande

di loro è nei cuori.

Le tegole rosse e il viluppo dei rami

son pregni di bestemmie

biascicate sottovoce come preghiere

delle donne fra le navate del tempio.

Non hanno camminato e sono stanchi

come vecchi che la morte attende

di ora in ora, e i piedi nudi

che affondano nella polvere

e nel fango sono tumefatti,

hanno il color di membra morte.

 

di Fedor Nicolay Smejerlink