Pizzo, mappamondo fiorito

Stampa

Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Pizzo, sorella di Venere,

nata dal mare,

la cenere dello Stromboli

non sporca le tue acque

chiare come acqua di fonte

non brucia i fiori dei tuoi mandorli amari

i filari delle viti.

Un profumo tepido di zagare e tigli

t’invade e t’invade il carrubo

di fiori vermigli,

mentre a te piace sognare piantata

nel mare, rupestre.

Il dosso delle tue colline

è giallo di ginestre e le tue grotte

acquestillanti

sono sognanti giardini di quarzo

senz’ombra di sole.

Pizzo, città monolitica, granitica,

ove non ha senso parlare

di politica,

chè si può essere scambiati

per un santone o un volgare imbroglione.

Dove è lecito solo

sognare

in riva alle acque chiare

in attesa che sorga dal mare adamitica

Venere bella

e resti estasiata ti tanta

sorella.

 

di Fedor Nicolay Smejerlink